Vincenzo Ciolino, un campione del mondo in Accademia

Allievo di Accademia Artisti e Atleta della Nazionale Italiana di Ju jitsu.

Il  percorso di Vincenzo comincia nel lontano 2004, aveva appena quattro anni, con il maestro Cristian Minuto, che non ho mai cambiato nel corso della sua giovane ma già lunga carriera.
Nel 2014 Vicnenzo vince il primo Campionato Italiano nella categoria Under 18. Da allora Vincenzo ha vinto ben cinque titoli nazionali consecutivi. Il  2017 vede l’esordio alle competizioni internazionali con il Campionato del Mondo svoltosi ad Atene e, ancora una volta, Vincenzo riesce ad aggiudicarsi una medaglia: l’oro.

È stata la più grande soddisfazione della mia vita! Feci 3 incontri, il primo contro il campione del mondo in carica Lukas Wittich (Germania), vinsi l’incontro 17-6. Il secondo contro lo spagnolo Iker Uriarte, vinsi per K.O. tecnico. E infine la finale contro il bosniaco Milovan Milic, vinsi per K.O. tecnico” – racconta Vincenzo, che quella competizione non la dimenticherà mai – “...mi ha dato il titolo di campione del mondo! Devo ringraziare il mio maestro Cristian Minuto, che mi ha allenato e portato a questi risultati, ma soprattutto i miei genitori che mi supportano in tutte le scelte che prendo, e tutto ciò che mi piacerebbe fare! E pensare che cominciai a praticare Ju jitsu per puro caso. Avevo 4 anni, e andavo all’asilo, un mio compagnetto praticava Ju jitsu, Ignazio, e suo papà  consiglio a mio padre di portarmi in questo ‘dojo’. Per fortuna mio papà accettò il consiglio, e dal momento che sono salito con i miei piedi su quella materassina verde e rossa, non sono più sceso. Con questa disciplina è stato amore a prima vista, ancora oggi non riesco a stare un giorno senza salire sul Tatami!

Nel marzo del del 2018 Vincenzo partecipa al Campionato del mondo Under 21 (77kg) svoltosi ad Abu Dhabi,  dove si classifica quarto perdendo la finale per il bronzo. Poche settimane fa, il 25-27 ottobre, ha disputato il campionato europeo svoltosi a Heraklion dove, anche qui, si è classificato quarto andando a un passo dalla medaglia di bronzo. “Il mio obbiettivo nell’ambito sportivo è diventare il più forte atleta della categoria -77 kg”, racconta con decisione Vincenzo.

Il Ju jitsu è un’arte marziale giapponese molto antica. Viene denominata come arte madre di tutte le arti., dal Ju jitsu prendono vita il Judo, il Karate e l’Aikido. “Il Ju jitsu significa tutto per me e data la mia passione per il cinema, che risale ai tempi delle medie, più o meno avevo 12 anni, mi piacerebbe portare il mio sport e le mie conoscenze marziali sul set. Questo è il mio sogno“.

Perché Accademia Artisti? “Ho scelto Accademia Artisti non solo per portare le mie conoscenze marziali sul set, ma perché amo il cinema. Sono felice del percorso intrapreso in Accademia Artisti sia per la professionalità dei docenti sia per il clima che si respira in aula, il rapporto con i miei compagni di corso è ottimo. Questo corso non insegna solo quelle che sono le tecniche di recitazione, ma aiuta ad affrontare paure, ansie, insicurezze, a sviluppare il massimo potenziale presente in ognuno di noi“.

Questa è la storia di Vincenzo.

 

Giuseppe Calabrese per Accademia Artisti